Le Parole del Sindaco e Iblea Acque sul disservizio.

58

Servizio idrico: faccio un sunto delle recenti comunicazioni di Iblea Acque.

  • non paralizzare ristoranti e strutture ricettive gremite di turisti in quello che è per loro il più importante momento lavorativo dell’anno;
  • la grande difficoltà nel gestire eventuali disservizi con il servizio autobotte tra i vicoli del Centro e di Ibla.

Nel registrare un calo piezometrico delle falde acquifere dei pozzi, la scelta di Iblea acque è stata quella di evitare disservizi innanzitutto ad Ibla e in Centro, per due ragioni:

In ogni caso sabato Iblea acque ha eseguito un intervento di potenziamento delle pompe per riuscire a riempire il recipiente Bruscè. Per intenderci, riuscire a riempire il recipiente Bruscè significa avere una buona pressione in distribuzione per le zone Bruscè, Ramelli, via Germania, via Terranova. Il potenziamento è andato bene, ma un guasto in nottata ad un trasformatore ha rallentato il beneficio, che si dovrebbe comunque avere tra 24-36 ore. In questo momento le pompe funzionano con il supporto di un gruppo elettrogeno.

Sempre nel pomeriggio di sabato è stata ripristinata la funzionalità del pozzo principale di attingimento dell’impianto di C.da Lusia.
Il minor quantitativo di acqua immesso durante il guasto potrà determinare disservizi lungo la rete di distribuzione che si risolveranno progressivamente.

Abbiamo evidenziato a Iblea Acque le lamentele ricevute per le gravi carenze nella gestione delle telefonate e richiesto di porre rimedio.
Iblea acque mi ha spiegato che c’è un problema di stacco telefonico quando gli operatori sono impegnati ma che già da lunedì i problemi al centralino saranno sistemati.

A Marina di Ragusa al momento non si registrano criticità.

Da parte del Comune il monitoraggio del servizio è continuo ma la siccità che sta coinvolgendo l’intero territorio siciliano e il conseguente continuo calo delle falde acquifere non possono che determinare qualche disservizio, che deve essere però ben gestito.
Si raccomanda quindi nuovamente di utilizzare l’acqua con rispetto di questa risorsa e degli altri cittadini, evitando usi inopportuni.