In salvo escursionista tedesca bloccata a 100 metri d’altezza

138

Complesso intervento congiunto del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e dell’82° Csar dell’Aeronautica Militare per recuperare un’escursionista tedesca rimasta bloccata su una parete di Monte Cofano, nel trapanese, a 100 metri d’altezza. Ieri pomeriggio la donna, 29 anni, dopo avere raggiunto da sola e con abbigliamento inadatto la cima del Monte, per scendere si è avventurata lungo piccoli terrazzi che in breve l’hanno portata in piena parete.

E’ scivolata ed è riuscita ad fermarsi su un piccolo pendio, dove ha iniziato a fare segnali luminosi col cellulare. I segnali sono stati individuati dall’associazione di volontariato Sos Valderice, impegnata ad effettuare sorveglianza antincendio che ha lanciato l’allarme al 112. In zona era presente un elicottero dell’Aeronautica Militare in attività addestrativa, che è stato indirizzato verso le luci.  A sua volta la centrale del 118, trattandosi di un intervento in ambiente impervio, ha chiesto l’intervento del Soccorso Alpino che ha fatto partire due squadre via terra e, per garantire la rapidità del recupero in una zona impervia e al buio, ha chiesto l’ausilio dell’Aeronautica Militare. Gli uomini del Soccorso Alpino hanno raggiunto “Baglio Cofano” dove è stato individuato il punto di incontro con l’elicottero. In una prima missione il velivolo ha trasportato nei pressi della donna in parete due tecnici di elisoccorso del Sass per valutare la situazione, senza poterli rilasciare a causa delle violente raffiche di vento. Il tentativo è stato ripetuto una seconda volta, senza successo. A questo punto si è concordato di raggiungere la donna, bloccata in parete, a circa 100 metri da terra e 150 dalla cresta sommitale, scalando dal basso la parete in notturna.

L’elicottero ha portato una squadra del Soccorso Alpino sul pendio sottostante la parete che è stata scalata. Intorno alle 4 del mattino la donna è stata raggiunta: era terrorizzata e disidratata, con escoriazioni in diverse parti del corpo. E’ stata stabilizzata e calata lentamente con le corde a terra, dove ad attenderla c’era un’ambulanza del 118. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Alcamo e della stazione di Custonaci.