Sui social minaccia strage in Germania, arrestato

98

Su Whatsapp avrebbe minacciato di compiere una strage sparando un migliaio di munizioni con un Kalashnikov Ak-47causando molti morti tra italiani e tedeschi in alcuni negozi a Calw, città della Germania, dove risiedeva. E’ l’accusa contesta a un 36enne che è stato arrestato da carabinieri del comando provinciale di Catania nel suo paese d’origine, Mirabella Imbaccari, in esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dalle autorità tedesche. L’indagato è stato poi condotto nel carcere di Caltagirone. Le minacce di compiere una strage erano state ripetute più volte dall’uomo che avrebbe portato come esempio, per meglio chiarire le sue intenzioni, la strage avvenuta il 15 marzo 2019 nella moschea di Christchurch, in Nuova Zelanda. Dopo aver intercettato le sue comunicazioni sui social le autorità tedesche avevano fermato l’uomo in Germania e avevano perquisito la sua abitazione alla ricerca delle armi delle quali vantava il possesso, senza trovarle. Ma la gravità del comportamento e il rischio che l’uomo potesse in ogni caso portare a termine quanto minacciato aveva indotto l’autorità giudiziaria tedesca a emettere il provvedimento cautelare, disponendo la sua custodia in carcere. Nel frattempo, però, l’uomo si era allontanato dalla Germania e aveva fatto rientro in Italia, costringendo così le autorità tedesche a estendere le ricerche in campo internazionale.